Comune di Sulmona

Portale ufficiale del Comune di Sulmona

27-05-2019
Ti trovi in: HOME » Comunicati Stampa » COMUNICATO STAMPA PULMINO DISABILI
 

Che tempo fa?

La visualizzazione del contenuto di questo modulo necessita l'accettazione dei cookie di tipo marketing.
E' possibile abilitare l'accettazione della suddetta tipologia di cookie al seguente link:
Cookie Policy

Traduci il sito

La visualizzazione del contenuto di questo modulo necessita l'accettazione dei cookie di tipo marketing.
E' possibile abilitare l'accettazione della suddetta tipologia di cookie al seguente link:
Cookie Policy

Controllo automatico accessiControllo automatico accessi 800-106330 Conferimento rifiuti ingombrantiConferimento rifiuti ingombranti 800-012490

COMUNICATO STAMPA PULMINO DISABILI

Data di pubblicazione: 30/04/2019
 

Un pulmino nuovo per i disabili sarà consegnato al Comune con una cerimonia giovedi 2 maggio alle ore 12 nel cortile della ex Caserma “Pace”, sede degli uffici comunali dei Servizi Sociali e dell’ufficio di Piano dell’Ambito Sociale Distrettuale n. 4 Peligno. E’ stato rinnovato per la terza volta, Il “Progetto Mobilità Garantita”, promosso dall’assessorato comunale alle Politiche Sociali, in collaborazione con la società PMG Italia Spa di Milano, potendo così erogare il servizio di trasporto sociale utilizzando un pulmino a costo zero. “Si tratta di un veicolo donato dal tessuto imprenditoriale locale” spiega l’assessore Piero Fasciani "Al termine della cerimonia, saranno consegnati degli attestati a tutti gli imprenditori che hanno contribuito al progetto, come segno di riconoscimento e gratitudine per  loro sensibilità". 

Il mezzo, concesso in comodato gratuito per 2 anni (rinnovabile), è un  autoveicolo di marca Fiat Doblò,  idoneo per quattro passeggeri (autista escluso) e munito di elevatore omologato a norma di legge, per consentire il trasporto di una sedia a rotelle. La manutenzione ordinaria, il bollo e l'assicurazione sarà a carico dell'azienda, la quale garantisce  l’utilizzo di oltre ottocento automezzi in tutta Italia, ispirandosi a una logica di sussidiarietà e di collaborazione tra il pubblico e il privato, contribuendo all’integrazione sociale delle persone svantaggiate senza  aggravio dei costi per l’Ente e la cittadinanza.